TRATTORIA AFFOLLATA

15 06 2008

Ore 22,30, trattoria affollata e rumorosa. Il telefonino vibra sul tavolo, lo vedo all’ultimo secondo.

“Ciao, sono della redazione centrale. Ti volevo chiedere una cosa…”

“Cosa? Ah, sì, dimmi”.

“Devo prendere alcune frasi del tuo pezzo sul locale, mi piace la storia della consulenza pagata ad una tipa per scrivere le didascalie sui reperti archeologici, di cosa si tratta?”

“Le didascalie? Ah, sì. Scusa, ma qui c’è un casino…. Sono per la sezione archeologica del museo, il più importante della città, inaugurato più volte e sempre alle prese con continui lavori di recupero. Cosa? Sì: le didascalie servono per la sezione archeologica messa nell’ala già aperta”.

“Ah, ok. Bella. Grazie, eh”.

“Prego, prego, ciao”.

Fine telefonata.

Oggi apro il giornale, fascicolo nazionale. Cerco il pezzo-pastone per vedere cosa hanno messo. Lo trovo. Gelo. Leggo il sommario:“…e quello di Treviso paga 2437 euro a una esperta per scrivere le didascalie di una mostra mai aperta”. Come “mai aperta?”. Ma chi l’ha mai detto? La mostra è aperta, apertissima. Per fortuna che parto per le ferie, altrimenti chi lo sente il direttore del museo?

Lezione numero 1 (da ricordare sempre): spegnere il telefonino ogni volta che si esce dalla redazione e si entra in una trattoria (per lo più affollata)

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: