LIBRI E CLASSIFICHE

13 04 2008

Rapido riassunto: il Telegraph ha fatto la lista dei libri che non dovrebbero mancare in una libreria perfetta. Ha diviso i titoli per categorie: classici, poesia, letteratura, libri romantici, libri per bambini, fantascienza, crimini, libri che hanno cambiato il mondo accanto a quelli che hanno cambiato il nostro mondo interiore, storia, vita. Di seguito alcuni titoli:

CLASSICI – Omero, con Iliade e Odissea, Guerra e Pace di Tolstoj, Madame Bovary di Flaubert, e i Viaggi di Gulliver di Swift.

POESIA – Dante, Shakespeare.

LETTERATURAMODERNA – Cent’Anni di solitudine, Alla ricerca del tempo perduto di Proust Ulisse di Joyce, Hemingway, Dottor Zivago.

BAMBINI – Il signore degli anelli di Tolkien, Winnie-the-Pooh, Harry Potter ma anche L’isola del tesoro di Stevenson.

FANTASCIENZA – Frankestein, e di 20mila leghe sotto i mari, così come di 1984 di Orwell.

GIALLI – Agatha Christie, né la saga completa di Sherlock Holmes.

LIBRI CHE HANNO CAMBIATO IL MONDO- Il capitale di Marx, Il principe di Machiavelli, l’intera Encyclopédie di Diderot e compagni.

«INTIMISTI»: Il gabbiano Jonathan Livingston e Lo Zene l’arte della manutenzione della motocicletta.

STORIA E «VITA»- Grandi classici come Erodoto e Tucidide, le Confessioni di Sant’Agostino e Se questo è un uomo di Primo Levi.

Questi alcuni titoli, almeno quelli riportati da Corriere.it quando ha ripreso l’articolo. Come ogni classifica di questo genere lascia il tempo che trova oltre ad essere altamente opinabile. A mio parere la libreria ideale è quella che rispecchia i gusti di ognuno di noi, altro che classifica di titoli e autori. Solo un appunto: con che coraggio si inserisce nella categoria “bambini” un’opera complessa e tormentata come Il “Signore degli Anelli”? Presumo che chi ha pensato questa stramba graduatoria, non l’abbia mai nemmeno sfogliata ma si sia limitato a vedere il film facendosi stregare da elfi, nani e maghi.

Annunci

Azioni

Information

2 responses

14 04 2008
Yubi

Ehm … libreria intesa come “library”? Che sarebbe poi la biblioteca … giusto?
Comunque: alcuni titoli posso con piacere dire di averli letti, altri non sono neanche nella mia biblioteca. E tra l’averli e l’averli letti … ce ne passa, come ad esempio la Enciclopedia di Diderot: 17 volumi, più eventualmente altri 11 di illustrazioni? 18’000 pagine?
Mi dispiace, ma vivo in un appartamento, non una biblioteca, né una libreria e manco in un museo ….

15 04 2008
leisole

Direi che hai pereffettamente ragione, ma queste classifiche lasciano sempre il tempo che trovano. Rimango della mia idea: la biblioteca ideale è quella che più si addice ai propri gusti, a prescindere dai titoli. E comunque pure io vivo in un semplice appartamento…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: