IL FACT CHECKER

2 03 2008

Domanda: come verrebbe presa in Italia, nel giornalismo italiano, la figura del fact-checker? Al New Yorker vengono chiamati così gli addetti alla verifica di ogni singola notizia pubblicata. In poche parole, un gruppo di giornalisti che rilegge ogni singola riga del giornale e verifica, nuovamente, ogni informazione, richiama ogni persona intervistata, anche quelle che desiderano restare anonime, per essere sicuri che quello che viene pubblicato corrisponda esattamente a quello che è stato detto.

Sinceramente sono un po’ perplesso. Una figura del genere, che piace moltissimo a direttore David Remnick, sembra quasi una mancanza di fiducia vivente nei confronti di ogni giornalista che scrive per il celebre settimanale newyorkese (e penso che questo tipo di lavoro possa essere svolto solo in un settimanale). Però funziona, è sicuramente una garanzia in più. Non riesco però ad immaginarmi la stessa figura in una nostra redazione, ho come l’impressione che da noi il meccanismo si incepperebbe subito. Ma forse mi sbaglio.

Annunci

Azioni

Information

One response

9 03 2008
Federica

Sono assolutamente d’accordo. Da noi lo prenderebbero a calci nel sedere dopo mezz’ora… oppure lo riempirebbero di mobbing fino a farlo annegare… dentifricio nelle scarpe, colla sulla sedia, sputazzino nel caffè…:-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: